Archivi tag: Turnigy

Turnigy Light L250, trasmittente radio/video 5.8G per GoPro!

Light 250, una delle migliori soluzioni Turnigy per trasmettere Live Video/Audio di GoPro per feedback video remoto e per esperienze FPV, Light L250. È una trasmittente compatta dal peso di circa 7 grammi, con plug USB e HDMI integrati. Questa soluzione, unita all’Input Voltage di 3.5~5.2V fornito magari da una 1S LiPo, trasforma GoPro in una FPV camera stand-alone pronta all’uso.

Features:
•  Connessione diretta GoPro Hero 3/3+
•  Frequenza: 5.6~5.9GHz 32 Canali
•  Operating current: 360mA @ 3.7V
• RF Output: 250mW
•  Connettore Antenna: SMA
•  1S LiPo
•  Indicatore LED

Dimensioni e peso particolarmente ridotte permettono al sistema stand-alone di essere utilizzato in applicazioni FPV oppure, se si utilizza GoPro su una gimbal brushless, di poter essere posizionato direttamente sul supporto GoPro della gimbal stessa. Il bandwidth video dichiarato è 8M con Audio Encoder 6.5M e range di 1000m.

 

 

 

 
La trasmittente viene fornita di connettore LiPo e manuale, per l’utilizzo bisognerà fornirsi quindi di LiPo 1S e Antenna con plug SMA. Il punto forte di Turnigy Light L250 è il prezzo, viene proposto da HobbyKing a circa 20 euro.

Turnigy Light L250 su RCgroups

ESC: HobbyKing 30A

Gli ESC sono una componente fondamentale per il funzionamento di un multirotore.  Sono dispositivi elettronici programmabili che si comportano da amplificatori di corrente. Posti tra l’elettronica di volo ed i motori ed alimentati opportunamente, provvedono a ricevere il segnale di controllo (a basso voltaggio) dall’elettronica di volo attraverso un connettore 3-pin e ad amplificarlo, fornendo quindi la quantità di corrente necessaria che dovrà risultare essere sempre maggiore o uguale a quella assorbita dai motori.

ESC  Bisogna prestare molta attenzione ai collegamenti da effettuare. Collegare il connettore 3-pin in modo errato alla FC potrebbe distruggere l’ESC. Inoltre i collegamenti all’alimentazione saranno sottoposti a molte vibrazioni e a correnti di grandi dimensioni. Essi dovranno quindi essere saldi e resistenti per assicurare che la corrente fluisca senza interruzioni.

 

power distribution board

Un interruzione dell’alimentazione di un ESC porta al bloccaggio di un motore e al conseguente ribaltamento in volo e schianto a terra del multirotore. Si può quindi optare per un Power Distribution Board per una maggiore affidabilità.

 

 

Prima dell’uso, questi oggetti vanno opportunamente programmati (tramite appositi software o schede di programmazione) secondo alcuni fattori, quali verso di rotazione e velocità del motore, escursione  minima e massima ed altri parametri.
———————————————————————————————————————————

HobbyKing 30A

esc

Gli Hobby King 30A ESC 3A UBEC sono ESC da 30 Ampère economici e programmabili. Contengono inoltre un UBEC (Battery Elimination Circuit), quindi è possibile utilizzarli per alimentare l’elettronica di volo senza l’utilizzo di ulteriori dispositivi di alimentazione.

Questi ESC sono programmabili tramite la programming card originale.
Il firmware di fabbrica non è però il massimo in termini di prestazioni e ci si accorge di ciò al primo volo. Esiste una procedura che prevede l’utilizzo di saldatore e porta seriale che permette l’upload di un firmware ottimizzato che aumenta di non poco le prestazioni.

1.Flashing/setup con Programming Card originale:

Il modo più veloce è sicuramente quello di acquistare la HobbyKing ESC Programming Card e procedere con il setup degli ESC uno alla volta.

esc2

La programming card è dotata di jumpers che permettono di scegliere la configurazione da caricare sull’ESC.
Il setup è facile ed intuitivo. Ai jumpers “ESC” và collegato l’ESC da programmare (attenzione ai colori dei pin).

Spostare i jumpers “Batt” sul tipo di batteria alla quale sarà collegata l’ESC.

“Start”permette di scegliere il tipo di accelerazione del motore,

“Power” seleziona come si comporta il motore quando la LIPO scende sotto i 3,3V.

“Rotation” permette di scegliere il verso di rotazione dei motori orario-antiorario (vedi info firmware uploadato sull’elettronica di volo).

Collegare quindi l’ESC ai Jumpers “ESC” della programming card precedentemente settata ed alimentarla. L’operazione è andata a buon fine solo se l’ESC riproduce un tono di avvenuto Flash (vedi info ESC). Ripetere la procedura per tutti i dispositivi.

Dopo aver preso un pò di dimestichezza con i comandi e con qualche ora totale di volo, ci si accorge che il multirotore non riesce a rimanere perfettamente in hovering ed inoltre la risposta ai comandi è decisamente impulsiva e non soddisfacente.
Un modo per migliorare non di poco la stabilità in volo è proprio quello di riprogrammare gli ESC, flashando un Firmware più recente diverso da quello di fabbrica. Il procedimento è macchinoso. Bisogna aprire l’involucro degli ESC in modo da avere libero accesso alle componenti interne e costruire un connettore per il flashing.

 

2. Ri-flashare gli ESC manualmente:

ESC

 

esc4

Bisogna aprire l’involucro dell’ESC e fare molta attenzione a non danneggiare la circuiteria interna. I contatti di interesse sono quelli in alto a destra e bisogna collegarli al connettore dell’USBasp AVR (utilizzato anche per programmare la HK V3.0). Purtroppo non esiste un vero e proprio adattatore per questo scopo poichè questi contatti sono diversi per ogni tipo e marca di ESC, quindi bisogna in qualche modo costruire un connettore, magari simile a quelli utilizzati per gli hard disk IDE.

esc5

 

In figura, dal connettore in questione sono stati ricavati sei fili a cui sono stati saldati sei pin fissati assieme con della plastica. Attenzione ad effettuare i collegamenti all’USBasp AVR in modo corretto.

 

 

 

Scaricare il software per il flashing: ESC Flash Tool

Dopo aver effettuato tutti i collegamenti ed aver connesso al pc l’USBasp, aprire Flashtools.

esc6

Il software si presenta con:

– In alto il campo “Programmer” in cui scegliere il tipo di adattatore USB. Scegliere USBasp ed automaticamente il programma imposterà la porta USB ed il baudrate. Fatto ciò scegliere il tipo di ESC. Il programma possiede un database con il firmware di diversi ESC ma, in caso di errore, può essere necessario spuntare l’opzione in alto a destra “use cache” aggiornando così l’ESC con il firmware contenuto nella cartella di default del programma.

Appoggiare quindi il connettore sui contatti dell’ESC ed avviare il “Flash”. Se si riceve un messaggio di errore allora non tutti i pin del connettore sono a contatto con le piazzole dell’ESC, per cui riprovare cercando la giusta posizione sulle piazzole dell’ESC fino alla risposta “Successful” del programma e al beep dell’ESC. Ripetere la procedura per tutti gli ESC.

Una volta completato non è necessario riprogrammare gli ESC con l’ESC programming Card in quanto il firmware appena flashato è costruito apposta per modelli multirotori. Per invertire il senso di rotazione dei motori relativi agli ESC,  basta invertire i fili nero e rosso dell’alimentazione dei motori.

È importante ricordare che dopo questa operazione va rieffettuata la calibrazione del min/max.