In che modo le mappe concettuali possono aiutarti a conoscere l’IA, giocare a scacchi, mangiare in modo più sano e trovare l’amore.

Hai mai cercato su Google “qualcosa” seguito da “vs” per vedere i suggerimenti del completamento automatico e per trovare ciò che volevi scoprire?

Ogni giorno milioni di persone cercano su Google “qualcosa vs qualcosa”. E questo funziona perché il modo migliore per imparare qualcosa di nuovo è scoprire quanto sia simile o diverso da cose che già conosci: potresti riconoscere le cose nell’elenco restituito e pensare “ah, quindi è così”. Quindi l’IA Google dell’auto complete suggerisce cose molto simili a “qualcosa” molto meglio di un OR logico.

Andriy Burkov in un suo recente post su LinkedIn ha pubblicato un software (disponibile a tutti su GitHub) che permette di generare grafi utilizzando ricorsivamente i risultati. In pratica il software crea un grafo attorno a un concetto, una parola, e va a cercare gli auto complete di “qualcosa vs qualcosa”. Google mette a disposizione una API “auto complete result” che ritorna gli auto complete di una query. Facendo questo più volte ricorsivamente (facendo autocomplete approfondito per ogni lettera), si possono creare dei grafi molto profondi che possono essere letti anche come mappe concettuali. Suggerimenti di mosse di scacchi, scelta di cibi sani in base ad alternative a determinate verdure, oppure semplici confronti di app di dating, sono solo alcuni dei milioni di esempi utili che si potrebbero fare.

Ti piace giocare a scacchi? Cerca su Google “sicilian opening vs ” (apertura siciliana), vedi il grafo e trovi le altre aperture connesse:

Oppure, vuoi mangiare sano? Cerca su google “spinaci vs” e trovi altre verdure interessanti che sono legate agli spinaci:

Quindi vedere i grafi come mappe concettuali permette di capire molto bene come lavora l’IA dell’auto complete a profondità crescente. Sul sito ufficiale i grafi sono interattivi e navigabili.

Articolo ufficiale
Post dell’autore