Archivio mensile:Novembre 2014

DJI Inspire 1

Al recente evento mediatico di San Francisco DJI ha svelato alcune chicche che non sono passate inosservate. “Sarà disponibile un nuovo SDK che permetterà agli sviluppatori di creare app per Android e iOS ed interagire con DJI Phantom 2“, dopo questa affermazione, Eric Cheng (DJI’s Director of Aerial Imaging) ha fatto bella mostra dell’innovativo Inspire 1, un multirotore studiato per essere il perfetto connubio tra la gamma Phantom ed il 4K Professional Aerial Filming.
Si tratta di un sistema volante all-in-one di circa 3 kg di peso con fusolage fisso e frame in fibra di carbonio in grado di modificare l’angolo di attacco al fusolage. Il frame mobile si abbassa in assetto di atterraggio fungendo da landing gears e riparando la gimbal, mentre si alza in assetto di volo offrendo alla camera di bordo una vista libera a 360 gradi.
A bordo è presente anche un nuovo sistema di visione DJI ad ultrasuoni per il posizionamento in assenza di segnale GPS e per un volo assistito anche indoor.

Caratteristiche Principali:
– Modello: T600
– Peso: 2935g
– Accuratezza di hovering: Verticale 0.5m, Orizzontale: 2.5m
– Velocità Max: 22m/s
– Altitudine di volo Max: 4500m
– Motori: DJI 3510- Propeller: DJI 1345
– Dimensioni: 438x451x301 mm

 

La camera RAW in dotazione è dotata di sensore CMOS 1/2.3 ed ha lenti a 9 elementi. Supporta inoltre risoluzione video 4K e foto a 12 Megapixel. La gimbal e l’intero sistema di stabilizzazione video è modulare, quindi removibile e compatibile con gli accessori DJI.

Caratteristiche gimbal e camera:
– Modello Gimbal: ZENMUSE X3
– Operating current: static(750mA), motion(900mA)
– Mechanical Range: Pitch: -90° to +30°, Pan: +-320°
– Max controllable Speed: Pitch: 120°/s, Pan:180°
– Modello Camera: FC350 (X3)
– Dimensione Max immagine: 4000×3000
– FOV (Field of view): 94°
– Sensore: CMOS Sony EXMOR 1/2.3″
– Modalità: Single shoot, Burst shooting, Time Lapse
– Dimensioni video: UHD (4K): 4096x2160p24/25,
3840x2160p24/25/30, FHD: 1920x1080p24/25/30/48/50/60,
HD: 1280x720p24/25/30/48/50/60

Il comparto video è completato da una versione aggiornata del sistema DJI Lightbridge che consente di trasmettere video in bassa latenza fino ad una distanza Max di 2km e riprodurli su un quasiasi tablet o smartphone dotato di app dedicata con funzioni di volo assistito già presenti sulla gamma Phantom (auto atterraggio, auto decollo, volo Point-to-Point dinamico e failsafe) e dati di telemetria in volo.

– Caratteristiche Radio:
–  Nome: C1
– Frequenze: 5.728-5.850 GHz/2.400-2.483GHz
– Range max: 2km
– EIRP: 10dBm@900m, 13dBm@5.8G, 20dBm@2.4G
– Power Supply: Built-in Battery
– Charging: DJI Charger
– Video Output: USB, mini-HDMI
– Dual User Capability: Host-Slave connection
– Batteria: integrata, 6000mAh LIPO 2S

 

L’autonomia dichiarata è di circa 18 minuti ed è assicurata da una LIPO 6S integrata dotata di un sistema di controllo automatico che provvede in ogni istante ad effettuare una stima di percentuale residua e tempo di volo tramite appositi algoritmi personalizzabili dall’apposita applicazione.

-Caratteristiche LiPO:
– Nome: Intelligent Flight Battery
– Modello: TB48
– Capacità: 5700mAh
– Voltaggio: 22.8V
– Tecnologia: LiPo 6S
– Peso: 670g
– Max Charging Power: 180W

Il sistema comprende Inspire, gimbal, camera, radiocomando e DJI Lightbridge e rappresenta il top della gamma di multirotori DJI. È possibile acquistare questo mostro presso lo store ufficiale DJI a circa 2900 euro.

Link sito ufficiale DJI Inspire

FrSKY Taranis: intro, bind, expo e telemetria

9077372_orig

Questo articolo è rivolto ai possessori di radio FrSKY Taranis e raccoglie informazioni essenziali per diventare rapidamente operativi con questo radiocomando.
Per tutte le funzioni della radio e del software openTx si rimanda al manuale ufficiale (manuale-italiano-1.0.8j).
Si ringrazia Massimiliano Di Silvestre.

 

Per le versioni aggiornate di software e manuale fare riferimento ai seguenti link:
– http://code.google.com/p/opentx/downloads/list per l’ultima versione del manuale
– https://code.google.com/p/companion9x/downloads/list per l’ultima versione del software Companion di gestione della radio (segnalare eventuali errori e/o proposte di miglioramento all’utente tochiro).


FrSKY Taranis – Primo utilizzo

1) Aprire il vano batteria ed alimentare la radio.
2) Caricare completamente la batteria utilizzando esclusivamente il caricabatterie in dotazione
3) Mentre è in carica prendetevi un po di tempo per leggere il manuale…
4) Accendere la radio
5) Premere a lungo il tasto MENU per accedere alla pagina di configurazione
6) Impostare data/ora, codice paese, ordine preferenziale dei canali sulla rx e stick-mode  preferito
7) Tornare alla schermata principale, le impostazioni di base sono completate


N.B. Non è indispensabile ma si suggerisce di salvare queste impostazioni in modo da averle pronte
per un eventuale futuro utilizzo senza dover riprogrammare il tutto. Per fare ciò seguire questi passi:


8) Con la radio accesa collegare la radio al proprio pc tramite un cavetto usb (uguale a quelli dei comuni lettori mp3 o macchine fotografiche)
9) Attendere qualche secondo per il riconoscimento/installazione del nuovo hardware sul pc. Appariranno due nuovi dischi, quello della eeprom e quello della scheda microSD
10) Copiare il file taranis.bin e salvarlo nel proprio pc


Altra operazione opzionale ma decisamente utile è l’attivazione dei messaggi vocali in lingua
italiana. Se volete utilizzare dei file personalizzati anziché quelli di default procedete in questo
modo:


11) Fare il download dei file audio di interesse; un buon pacchetto è per esempio quello
preparato dall’utente ermaxx e disponibile al seguente indirizzo:
http://www.digital-system.it/Taranis-it.zip
12) Allimentare la radio e collegarla al pc. Mettere il pacchetto nella cartella SOUNDS/it
13) Nella pagina di configurazione della radio impostare la voce in lingua italiana
14) Testare il corretto funzionamento dei messaggi vocali


– Bind riceventi

Il vostro sistema FrSky come la maggior parte dei sistemi a 2.4Ghz usa un protocollo di
comunicazione che accoppia in modo univoco la ricevente alla trasmittente.
Nessuna trasmittente può comandare una ricevente alla quale non sia stata “accoppiata”, anche nel caso di riceventi compatibili con la modalità D16 è possibile associare in modo univoco
una ricevete ad un modello, specificando l’identificativo della ricevente.

Per procedere con il bind è necessario seguire le istruzioni relative alla propria ricevente, ad
esempio: 


– Bind V8FR-II e V8R7-II


1) Impostare sul setup modello il modo D8 sul modulo interno
2) Collegare il ponticello sulla ricevente sui canali ch1-ch2
3) Eseguire il comando bind sul setup modello, la radio emetterà dei beep
4) Tenere la ricevente ad almeno un metro di distanza dalla radio
5) Premere il pulsante f/s di bind sulla rx e, tenendolo premuto, dare alimentazione alla
ricevente
6) Se il led sulla ricevente inizia a lampeggiare il bind è avvenuto correttamente
7) Togliere alimentazione alla ricevente e togliere il ponticello
8) Uscire dal setup modello
9) Dare alimentazione alla ricevente (con la radio accesa) e testare il funzionamento della rx


 

– Bind X8R


1) Impostare sul setup modello il modo D16 sul modulo interno
2) Impostare l’id ricevente (rxNum) ad un numero diverso da zero
3) Eseguire il comando “bind” sul setup modello, la radio emetterà dei beep
4) Tenere la ricevente ad almeno un metro di distanza dalla radio
5) Premere il pulsante f/s di bind sulla rx e, tenendolo premuto, dare alimentazione alla
ricevente
6) Se il led sulla ricevente inizia a lampeggiare il bind è avvenuto correttamente
7) Togliere alimentazione alla ricevente
8) Uscire dal setup modello
9) Dare alimentazione alla ricevente (con la radio accesa) e testare il funzionamento della rx

 


– Funzione Esponenziale


La funzione Esponenziale permette di modificare le caratteristiche del segnale di controllo in base al movimento del corrispondente stick.
Un Esponenziale pari a zero significa che il movimento dello stick è trasferito proporzionalmente al segnale di controllo. All’aumentare dell’esponenziale i movimenti di controllo proporzionali diventano più piccoli vicino alla posizione neutra dello stick.

Di seguito viene descritta la configurazione base degli esponenziali.


Le operazioni di configurazione possono essere molto più raffinate, per approfondimenti si
rimanda al paragrafo “Menu modello –> Stick” del manuale ufficiale.


– Regolazione “base” dell’esponenziale sugli stick
1) Andare alla schermata Sticks
2) Selezionare lo stick da configurare
3) Premere a lungo il tasto ENT per accedere al menu contestuale
4) Selezionare la voce Modifica e premere ENT, si aprirà la schermata di dettaglio dello stick
selezionato (vedere figura qui sotto)
5) Impostare a piacere il valore del parametro espo, la curva sulla destra si modificherà di
conseguenza per evidenziare il comportamento dello stick lungo tutta la sua corsa


– Telemetria


Collegamento e configurazione del variometro FrSKY alla ricevente X8R:
Collegamento variometro / ricevente:
1) Sul setup modello assicurarsi che il modulo interno sia impostato al modo D16
2) Non connettere i vari fili che escono dal variometro, usare solo il cavetto tipo servi femmina/
femmina in dotazione
3) Verificando bene che la piedinatura sia corretta (rosso=positivo, nero=negativo,
giallo=segnale), collegare uno dei due connettori accanto al led rosso del variometro con la
smart port della ricevente (che si trova dal lato delle antenne, non da quello dei servi)
4) Dando alimentazione alla ricevente il led rosso del variometro emetterà una luce
lampeggiante, il collegamento è avvenuto correttamente


– Configurazione radiocomando:
1) Andare alla pagina Telemetria del setup modello
2) Verificare che il parametro Vario sorg. sia impostato a Vario
3) Inserire in uno degli schermi telemetrici (per esempio “Schermo 1”) il valore “Alt”; in questo
modo si potrà leggere il parametro sulla pagina della telemetria del modello (accessibile con
una pressione lunga del tasto PAGE)
4) Per attivare la telemetria vocale andare su Funzioni Personalizzate e impostare un
interruttore con associata la funzione “LeggiValore” e parametro “Alt” con l’intervallo di
ripetizione espresso in secondi (funzione CF1 nella figura qui sotto)
5) Per attivare i log telemetrici impostare un interruttore con associata la funzione SDCARD
Logs e con l’intervallo di tempo preferito di registrazione dei log (funzione CF2 nella figura qui
sotto)
6) Per attivare il variometro impostare un interruttore con associata la funzione “Vario” (funzione CF3 nella figura qui sotto)


D1: Quali sono le caratteristiche ottimali dei file audio per la Taranis?
R1: Il formato dei file audio può essere wav mono 16/32 khz a-law/u-law con nome del file di
lunghezza max 10 caratteri. Il formato ottimale è wav mono 32 khz u-law.
D2: Alcune radio hanno la possibilità di diminuire temporaneamente la potenza per verificare la
portata da una breve distanza. Taranis ha questa opzione?
R2: Sì, si chiama “range test” e si attiva selezionando la voce [RANGE] nel setup modello. In
questa modalità la distanza effettiva viene ridotta di 1/30, quindi allontanarsi di 50 metri equivale a testare la potenza della radio ad una distanza di 50*30=1500 metri.
D3: Con la batteria originale come deve essere regolato l’intervallo batteria? E con una lipo 3s?
R3: Per la batteria originale: range 6,0 – 8,0 ; soglia allarme 6,6 V.
Per una lipo 3s: range 9,0 – 12,6 ; soglia allarme 9,6 V.